CHI E’ TUO PADRE?

Lo leggi in: 3 minuti

A tutti quelli che l’hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventar figli di Dio: a quelli, cioè, che credono nel suo nome” (Evangelo di Giovanni cap. 1 verso 12) Se farai, di Dio, oltre che tuo Padre, ma anche il tuo Salvatore, scoprirai che tutti coloro che ti hanno fatto del male, l’hanno fatto perchè, anche loro, non avevano mai conosciuto il “vero Padre” Chiedi, oggi stesso, a Dio di essere suo figlio/a.

Chi è tuo padreTi hanno mai rivolto questa domanda?

Hai mai provato imbarazzo o ne sei andato/a fiero/a nel rispondere:

” mio padre è il notaio… , mio padre è quell’operaio…,  mio padre è il farmacista…, mio padre è un alcolizzato, un ladro, un evasore fiscale…un pedofilo.

Quanta verità possono celare le tue parole rispetto ad una realtà che, soltanto tu, puoi conoscere?

Accettare che sia “proprio lui” il padre che ti ha concepito!

E se quel “padre”, alla tua nascita, non ci fosse proprio stato?

Se avessi  scoperto che tuo padre ha preferito “fuggire” quando venivi alla luce?

Forse, quando rientri a casa, sai che tuo padre è semplicemente “un uomo”; vorresti, però, che non fosse proprio lui, oppure preferiresti che fosse …un pò diverso!

Quanti hanno costruito per se stessi, per la società,  oppure  per essere meglio accettati dagli altri, una identità  fittizia di una persona, che padre non lo è mai stato veramente o che non lo è ancora!

L’elenco dei “padri” fantasma potrebbe continuare; ma allora che fare?

Continuare a tormentarsi, indignarsi, tentare di dimenticare?   No!

Bisogna cambiare la chiave di lettura!

La Bibbia dice: “Il cuore è ingannevole più di ogni altra cosa, e insanabilmente maligno; chi potrà conoscerlo?  Io, il Signore, che investigo il cuore…” (Geremia 17:9,10)

L’accento è su quell’Io; Dio è la nuova chiave di lettura del tuo problema.

Rifletti:  Chi ha permesso che quella vita, la tua, prendesse forma, in quel preciso momento?

Gli altri possono dirti che sei nato/a per uno sbaglio, ma così non è!

Cito solo qualche verso per continuare a riflettere con te.

In Genesi al primo capitolo,  Dio disse:  “Sia la luce! E la luce fu”…così è stato anche per te, per la tua venuta alla luce.

Nel salmo 68 verso 5 è scritto: ” Dio è padre degli orfani”.

Nel Vangelo secondo Matteo, cap. 6  verso 8, è scritto: “… il Padre vostro sa le cose di cui avete bisogno”.

Ancora in Matteo cap. 18 verso 14: “il Padre vostro che è nei cieli non vuole che uno solo di questi piccoli perisca.”

Nella seconda lettera ai Corinzi, cap. 6 verso 18: “E sarò per voi come un padre e voi sarete come figli e figlie….”

Nel Salmo 27, al verso 10 si legge: “Qualora mio padre e mia madre mi abbandonino, il Signore mi accoglierà”.

Allora, non indugiare più nel tuo dolore, alzati!

Ti senti orfano/a?  Dio afferma di essere tuo Padre!

Hai  bisogno del sostegno di un padre? Dio sa le cose che ti occorrono!

Pensi di essere arrivato al capolinea del dolore?  Dio vuole che tu non perisca!

Desideri essere un figlio/a per un padre che ti vuole bene?  Dio ti dice che è disposto ad essere tuo Padre!

Ricorda che, se rispondi, al dolore che grida dentro al tuo cuore, con la Parola di Dio, allora puoi farcela.

Dio, vero Padre, ha mandato Gesù, Suo figlio, a morire sulla croce perchè noi potessimo, oggi, avere accesso presso di Lui.

Dio ha permesso che Suo figlio morisse e soffrisse in croce, per amore.

Ha amato te, così tanto, e in un modo in cui nessuno ti ha amato.

Se fai, di Dio, oltre che il tuo Padre, ma anche il tuo Salvatore, scoprirai che tutti coloro che ti hanno fatto del male, l’hanno fatto perchè, anche loro, non avevano mai conosciuto il “vero Padre”

Chiedi, oggi stesso, a Dio di essere suo figlio/a.

Nella lettera ai Galati cap. 4 verso 7 è scritto: “Così tu non sei più servo, ma figlio; e se sei figlio, sei anche erede per grazia di Dio.

Dio ti offre un’eredità che non ti verrà mai negata: amore pace, gioia e serenità.

A tutti quelli che l’hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventar figli di Dio: a quelli, cioè, che credono nel suo nome”   (Evangelo di Giovanni cap. 1 verso 12)

Flora

Aggiungi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.